Comune di Bellosguardo (SA)

L'art. 13 del Decreto legge 06/12/2011 n. 201 , convertito con mod. in Legge 22/12/2011 n. 214, ha istituito a decorrere dall'anno di imposta 2012 l'Imposta Municipale propria (IMU) che sostituisce, per la componente immobiliare, l'imposta sul reddito delle persone fisiche e le relative addizionali dovute in relazione ai redditi fondiari relativi ai beni non locati, e l'Imposta Comunale sugli Immobili (ICI). 

 Anno 2013 - Aliquote invariate pertanto si applicano le aliquote deliberate per l'anno 2012 (delibera C.C. n. 20 del 27/07/2012) 

Il versamento della prima rata dell'IMU 2013 è sospeso fino al 16 settembre per le seguenti categorie di immobili:

- abitazione principale e relative pertinenze, esclusi i fabbricati classificati nelle categorie catastali A/1, A/8 e A/9 (case di lusso, ville e castelli o palazzi di eminenti pregi artistici o storici). Rientra nella sospensione anche l'abitazione e relative pertinenze posseduta da anziani o disabili che spostano la residenza in istituti di ricovero o sanitari a seguito di ricovero permanente a condizione che non risulti locata oppure da cittadini italiani non residenti nel territorio dello Stato, a condizione che non risulti locata;
- unità immobiliari appartenenti alle cooperative edilizie a proprietà indivisa, adibite ad abitazione principale dei soci assegnatari e relative pertinenze, nonché alloggi regolarmente assegnati dagli Istituti autonomi per le case popolari (IACP) o dagli enti di edilizia residenziale pubblica, comunque denominati, aventi le stesse finalità degli IACP;

 Soppressione della riserva a favore dello Stato per tutti gli immobili ad eccezione di quelli ad uso produttivo classificati nel gruppo catastale D:

Per l'anno 2013, l'imposta dovuta sugli immobili, con esclusione di quelli ad uso produttivo classificati nel gruppo catastale D, deve essere versata esclusivamente al Comune (il contribuente non deve piu' dividere l'imposta riservata allo Stato da quella del Comune come nell'anno 2012).

Per i fabbricati ad uso produttivo classificati nel gruppo catastale D deve invece essere versata direttamente allo Stato l'IMU calcolata sulla base dell'aliquota 0,76%, mentre è destinata al Comune la differenza tra l'imposta calcolata sulla base dell'aliquota deliberata e la quota riservata alla Stato.

TERMINI PER LA PRESENTAZIONE DELLA DICHIARAZIONE IMU

I soggetti passivi devono presentare la dichiarazione entro il 30 giugno dell'anno successivo a quello in cui il possesso degli immobili ha avuto inizio o sono intervenute variazioni rilevanti ai fini della determinazione dell'imposta.